Su Wolf. 135

wolf-135-organizzazione-del-tempoSul numero 135 di Wolf, che è uscito con un certo ritardo rispetto al solito, si parla fra le altre cose di un tema cruciale per i lavoratori dell’informazione e della comunicazione. La gestione del tempo (se preferisci l’anglicismo sei nel posto sbagliato. Ma se vuoi puoi chiamarlo time management, così sai che un sacco di aziende ci fanno su dei seminari di formazione, addirittura). E si spiega perché quantità e velocità sono due parametri completamente sbagliati per valutare il lavoro, quel che facciamo, la politica, la vita. Hanno determinato metriche terribili, non tengono conto del contesto, sono alla base delle cause delle fake news e di altre amenità che peggiorano il nostro modo di vivere. Lo spiega persino il libro di un geologo.

Poi due brevi tratte da conversazioni sul Canale Slack di Wolf (riservato agli abbonati) e sul gruppo di conversazione su Facebook. Sui fake referrals e sul giornalismo che conta.

E gli immancabili Post-it, che contengono la selecta delle notizie imperdibili del giorno. Oggi si parla di: Bastava leggere / Educazione digitale / Edicola 2.0 / Quanto erano schierati i quotidiani all-digital / Consigli di lettura / L’economia del digital marketing nel nostro Paese / La fine dei banner.

[Per leggere il numero, abbonati. Avrai accesso a tutto l’archivio]

 

Su Wolf. 134

404-business-insider-italia

Ecco il menù di Wolf. 134.

Insider Business (BETA) – Un singolare errore di redirezione sulla versione italiana di Business Insider e considerazioni sparse sui lanci di nuove realtà online e sul concetto di Versione Beta (che, Google ci insegna, andrebbe dichiarata).

Post-it – Open Journalism / Oligopolio / Effetto “Stampubblica” / Diritti e giornali ai tempi del web / Desktop Porno / Nuovi guai per gli editori / Analisi [un]social / di Pier Luca Santoro

Startupper – Un video che non ha bisogno di parole per spiegare perché funziona e perché è bello.

[Per leggere abbonati a Wolf. Avrai accesso a tutto l’archivio]

Su Wolf. 133

schermata-2016-11-29-alle-18-20-27

Glossier – Su Wolf. 133, un caso di studio in cui la bellezza della vita reale si accompagna a una serie di buone pratiche che riguardano l’identità, la comunità, il contatto con le persone, la conversazione. Parole applicate con una progettazione basata sui fatti, non vuoti contenitori.

Archeologia Web – Un viaggio nel tempo in cui i giornali italiani online avevano le notizie nella colonna di destra, con una serie di documentazioni fotografiche che dimostrano una verità inconfutabile: fino a questo momento è stato il modello di business a dettare l’agenda. Visto che non è andata proprio benissimo, sarebbe ora di cambiare.

Post-it – Selecta imperdibile con le notizie del giorno: E-Health / Lavoro / Bufale / Native advertising [de noantri] / Social da bestie / Open Innovation / Programmatic

[Per leggere tutto e avere accesso all’intero archivio, abbonati a Wolf. Costa 10 euro al mese o 100 all’anno]

 

Su Wolf. 132

schermata-2016-11-28-alle-23-46-28

Facebook fa bene al mondo? – È una delle domande del sondaggio di Facebook su Facebook (come si dice in questi casi: true story) che trovi analizzato sul numero 132 di Wolf, nella prima parte della pubblicazione del martedì, che raccoglie spunti e analisi emersi dal canale di Slack di Wolf (riservato agli abbonati) o dal suo gruppo di conversazione su Facebook.

Post-it di Pier Luca Santoro – Risate Spot / Stage in premio / Lo stato del  Digital Customer Engagement in Italia nel 2016 / Il conversational divide nel digitale / Il cuore del potere / Il sorpasso della tv on demand sul palinsesto tradizionale / Ora et labora. La selezione di notizie imperdibile per il mondo della comunicazione e dell’informazione.

Resilienza e rigenerazione – A partire da un pezzo di Bruno Mastroianni e dalle teorie di Naomi Klein, considerazioni teoriche e applicazioni pratiche per migliorare l’ecosistema dell’internet, personale, collettivo, lavorativo.

[Per leggere, abbonati a Wolf. Avrai accesso a tutto l’archivio]

Su Wolf. 131

Marina Abramovich e la concentrazione profonda

Qual è l’ultima volta che hai vissuto in uno stato di concentrazione profonda, senza notifiche, senza che l’informazione ti raggiungesse quando non volevi? Digital detox è già una buzzword? Cos’è utile per migliorare la produttività personale e la produttività aziendale? Cosa andrebbe pianificato e progettato? Dalla considerazione sulla tossicità delle notifiche a DeedStrategy, una verticalità che nasce da zero, orientata alla SEO, ai social, alla conversione, a tutte le buone pratiche che si analizzano e si raccontano su Wolf. Ne seguiremo le varie fasi con Alberto Puliafito.

Poi, i Post-it di oggi, una selezione di notizie imperdibili, scelte e commentate da Pier Luca Santoro: Fare la festa al brand / La radio batte ancora YouTube / Come sarà Robinson, il nuovo inserto culturale di Repubblica /  I principali trend della Social tv in Italia / Libero Pages / Communication Crisis / I centri commerciali del futuro

Infine, il sondaggio per giornalisti imprenditori su ONA.

Tutto questo è sul numero 131 di Wolf. Per leggere, abbonati. Avrai accesso a tutto l’archivio.