Su Wolf. 135

wolf-135-organizzazione-del-tempoSul numero 135 di Wolf, che è uscito con un certo ritardo rispetto al solito, si parla fra le altre cose di un tema cruciale per i lavoratori dell’informazione e della comunicazione. La gestione del tempo (se preferisci l’anglicismo sei nel posto sbagliato. Ma se vuoi puoi chiamarlo time management, così sai che un sacco di aziende ci fanno su dei seminari di formazione, addirittura). E si spiega perché quantità e velocità sono due parametri completamente sbagliati per valutare il lavoro, quel che facciamo, la politica, la vita. Hanno determinato metriche terribili, non tengono conto del contesto, sono alla base delle cause delle fake news e di altre amenità che peggiorano il nostro modo di vivere. Lo spiega persino il libro di un geologo.

Poi due brevi tratte da conversazioni sul Canale Slack di Wolf (riservato agli abbonati) e sul gruppo di conversazione su Facebook. Sui fake referrals e sul giornalismo che conta.

E gli immancabili Post-it, che contengono la selecta delle notizie imperdibili del giorno. Oggi si parla di: Bastava leggere / Educazione digitale / Edicola 2.0 / Quanto erano schierati i quotidiani all-digital / Consigli di lettura / L’economia del digital marketing nel nostro Paese / La fine dei banner.

[Per leggere il numero, abbonati. Avrai accesso a tutto l’archivio]