Su Wolf. 101

wolf 101C’era una volta reported.ly
Lezioni di giornalismo, social media e vita vera imparate sul campo 
di Marina Petrillo

Fino a pochi giorni fa ho fatto parte di un progetto sperimentale diretto da Andy Carvin per First Look Media: reported.ly, la prima testata in tempo reale nativa dei social media. Eravamo una squadra di sei persone, poi siamo diventati cinque, e per 20 mesi abbiamo coperto in diretta 18 ore al giorno, distribuiti su quattro fusi orari diversi. Ci siamo concentrati soprattutto su diritti umani, conflitti, diritti civili negli Stati Uniti, crisi dei rifugiati, Medio Oriente, America Latina e Africa. In breve tempo siamo riusciti a costruire una community globale e abbiamo vinto un premio dell’Online News Association. La nostra esperienza si è interrotta perché First Look ha smesso di finanziarci, ma stiamo esplorando altre strade per riprendere il nostro lavoro.

Intanto, qui c’è quello che ho imparato.

[Per leggere tutto, abbonati a Wolf]

Post-it
di Pier Luca Santoro

Le conversazioni sono notizie / Articoli à la carte / Algoritmo / Cherry picking / Adblock plus lancia una piattaforma di advertising / La doppia morale dei media / Mai dare la fedeltà [del cliente] per scontata

[Per leggerli, abbonati a Wolf]

Facebook ha bisogno di buoni contenuti
Tutto il resto è bolla
di Alberto Puliafito

Un po’ come la bolla di Adwords che, nei primi anni 2000 ha portato a comprare annunci su pagine che non contenevano un bel niente se non annunci pubblicitari per far soldi (più di quanto costasse portarci la gente sopra), si potrebbe pensare che – da tempo, mica solo da oggi – Facebook consenta di fare lo stesso. Solo che le bolle scoppiano e dovremmo imparare dagli errori del passato.

[Per leggere tutto, abbonati a Wolf]